monte paularo – crete di mezzodì

monte paularo

>>Fotogallery

Salita classica delle nostre Alpi Carniche, probabilmente la più remunerativa della zona considerando la facilità dell’itinerario. In realtà io ho fatto un percorso leggermente diverso “fuori pista”, perché mi interessava fare delle foto un po’ diverse, e ho salito anche un’altra cima minore del gruppo. Il Paularo è una montagna abbastanza isolata che offre un panorama davvero molto vasto sulla Catena Carnica Principale ma non solo, e i colori dell’autunno esaltano la bellezza di queste antiche montagne. Merita senza dubbio una sosta la Malga Pramosio, una delle più belle della nostra regione.

monte paularo

monte paularo

monte paularo

monte paularo

monte paularo

Da Tolmezzo ci dirigiamo verso il Passo di Monte Croce Carnico e poco dopo Paluzza, raggiunta la piccola frazione di Laipacco, giriamo a destra seguendo le indicazioni per la Foresta di Pramosio. La strada è sterrata ma piuttosto comoda, anche se un po’ rovinata dal passaggio dei camion che vanno alla cava ( certo che una colletta con il comune potevano anche farla per l’asfalto ). Dopo circa 6 km raggiungiamo quindi la bella Casera Pramosio di sotto ( 1526 m ). Poco prima della casera dei cartelli ci segnalano il sentiero 404 per il Monte Paularo e il lago Dimon. Si tratta di un comodo sentiero senza difficoltà e non troppo faticoso che in circa un’ora e mezza ci porta nella stupenda conca della Casera Montelago e quindi dopo pochi minuti in cima al nostro Paularo ( 2043 m, 523 m di dislivello ).

Discesa uguale alla salita, un’ora circa. Ho salito anche le Crete di Mezzodì ( 1980 m ) seguendo un percorso in cresta non segnalato.

 


Related Post

Author: thedharmabum

Share This Post On